PATHOS 

Anfiteatro, Doues

18 Agosto 2022,
ore 18

Variazioni su La Peste di Camus

Quarantine Trombone Quartet
Alessio Cristin, Giulio Dreosto, Rémy Vayr Piova, Giuliano Rizzotto –  tromboni;
Paola Corti – voce, ideazione, regia.

Il progetto nasce dall’esigenza di riflettere ancora e ancora e ancora sulla vulnerabilità, sulle fragilità, sulle ingenuità dell’essere umano: ognuno concentrato sulla propria esistenza… così immersi in una inquietante normalità che non ci fa accorgere di essere vivi.

E solo quando vi è un contagio, solo quando comincia l’orrore di un possibile sterminio, che sia provocato da un bacillo, da un incidente o dalle azioni di altri esseri umani, solo così si desidera voler essere vivi.

Ispirato al romanzo di Camus lo spettacolo è una performance live le cui parole si intrecciano alle musiche originali di Andrea Bonaldo andando a creare imprevedibili e inaspettate situazioni emotive.

La piazza dell’Anfiteatro prende il nome dalla sua caratteristica forma semicircolare che ne sottolinea l’identità di centro paese, circondata da antiche e importanti case. Vicina alla pregevole Chiesa Parrocchiale di San Biagio gode di una bellissima vista sulla vallata e sulle cime circostanti. Il paese di Doues subì la storica epidemia di peste del 1630, che decimò due terzi della popolazione.